Per offrirti una miglior esperienza di navigazione utilizziamo cookies. Continuando la navigazione ne autorizzi l`utilizzo. La disattivazione di alcuni cookies potrebbe compromettere il corretto funzionamento del sito. clicca qui per maggiori informazioni
Print this page
Giovedì, 17 Novembre 2011 12:03

Gambellara Vin Santo DOC

Written by 
Rate this item
(0 votes)

Il Gambellara Vin Santo DOC

 Il Vin Santo di Gambellara è l’unica DOC di questa tipologia di vini in Veneto. Riconosciuto sin dal 1969, all’atto dell’istituzione della Denominazione di Origine Controllata nel territorio di Gambellara, è attualmente oggetto di un progetto di studio portato avanti dal Consorzio Tutela Vini DOC Gambellara in collaborazione con l’università di Verona e il contributo della Camera di Commercio di Vicenza,

della Provincia di Vicenza e dei Comuni di Gambellara, Montebello Vicentino, Montorso Vicentino e Zermeghedo e della Banca Popolare di Vicenza. Vino di antica tradizione, il cui nome risale per lo meno al Settecento, viene prodotto con l’autoctona uva Garganega quasi sempre in purezza, anche se il disciplinare permette di aggiungere il 20% di altri vitigni non aromatici. La quantità di uva che è possibile mettere a riposo per la produzione del Vin Santo è pari a 62,5 quintali per ettaro coltivato. Le uve, dopo la raccolta, vengono quindi messe ad appassire appese al soffitto tramite spaghi nella tradizionale forma di “picai” in locali ben aerati. La pigiatura avviene a marzo-aprile, dopo che gli acini hanno perso gran parte del loro contenuto in acqua. La resa massima delle uve deve essere inferiore al 40%, ovvero da 100 chilogrammi di uva non si possono ricavare più di 40 litri di Vin Santo. Il mosto ricavato dalla pigiatura viene quindi trasferito in piccoli caratelli di dimensione variabile a seconda della tradizione aziendale, e chiuso ermeticamente per permettere l’avvio della fermentazione grazie ai lieviti indigeni non selezionati. I caratelli vengono conservati nelle cosiddette “vinsantiere”, normalmente soffitte o sottotetti, in modo che, sottoposti al caldo d’estate e al freddo d’inverno, vengano esposti a forti escursioni termiche. Il tempo di permanenza minimo nei caratelli da disciplinare è di due anni. Il vino che si ottiene ha un colore giallo ambrato più o meno carico, un profumo molto inteso, caratteristico dei vini passiti, con note di frutta secca, vaniglia, frutta candita. In bocca è pieno, dolce, caldo, vellutato. Un classico vino da meditazione, da godere con gli amici e da stappare in occasioni particolari.

Read 1000 times